Archivio tag: trend

blank

Enoteche, il trend in controtendenza

[intro-text size=”25px”]Enotecario: per qualcuno è un mestiere in via d’estinzione, per altri è un’arte riservata a pochi davvero preparati e professionali, che non siano commercianti all’arrembaggio e basta. Fermo restando che la grande distribuzione veicola ormai una moltitudine di referenze premium e che rappresenta il

blank

Top 100 Values 2018, Wine Spectator incorona l’Italia

[intro-text size=”25px”]Dal Piemonte alla Puglia, dalla Toscana al Veneto, dal Friuli Venezia Giulia alla Liguria, dalla Falanghina al Vermentino, dal Pinot grigio al Sangiovese, dalla Barbera all’Aglianico, uno dei grandi punti di forza riconosciuti del vino italiano è la capacita di esprimere una grande varietà

blank

Vino italiano, nel 2018 l’export cresce a valore

[intro-text size=”25px”]Il vino italiano chiude il 2018 con una stima di crescita del +3,8% nell’export (6,2 miliardi di euro di prodotto tricolore esportato) ma con un calo di volumi del 9%, dovuto principalmente alla scarsa vendemmia dello scorso anno. A rilasciare la stima sui dodici

blank

Nomisma Wine Monitor, cresce il vino bianco fermo

[intro-text size=”25px”]Il vino bianco fermo è la tipologia più consumata in Italia e nel Regno Unito, che vola anche negli Usa. La tipologia sviluppa un export del valore di 1,287 miliardi di euro l’anno. A metterlo in luce è un’indagine Nomisma – Wine Monitor. Secondo

blank

Orizzonte Cina, cresce il vino italiano

[intro-text size=”25px”]La Cina ha voglia di vino italiano. Nel primo trimestre del 2018 l’export enologico made in Italy in Cina è cresciuto del 62,82%. E’ quanto emerge dal IX Rapporto annuale «Cina. Scenari e prospettive per le imprese» a cura di Fondazione Italia Cina. L’Italia supera

blank

Cina, nuova frontiera per il vino italiano

[intro-text size=”25px”]Il quinto mercato più grande al mondo è la Cina. Ora secondo l’agenzia stampa Xinhua ci si prepara alla svolta: dal vino consumato a volumi a scelte di maggior raffinatezza e cultura, ovvero da sommelier. Non è un caso se cresce e si articola

blank

OIV presenta i dati 2017, un bilancio in chiaroscuro

[intro-text size=”25px”]Il direttore generale dell’OIV, Jean-Marie Aurand, ha presentato il 24 aprile presso la sede dell’Organizzazione a Parigi alcune informazioni sul potenziale produttivo viticolo, il bilancio del raccolto e la situazione del mercato e degli scambi internazionali nel 2017.[/intro-text] Con 7,6 milioni di ettari nel

blank

Regno Unito, il “boom” del bere italiano

[intro-text size=”25px”]Il Regno Unito, fino a poco tempo fa tempio incontrastato della birra, sta imparando a bere il vino italiano. Negli ultimi 5 anni, complice la rapida ascesa del Prosecco,  si sta assistendo ad una vera impennata del consumo di bollicine. I francesi, però, sono

I testi, le immagini e la grafica presenti su questo blog sono protetti ai sensi della normativa vigente sul diritto di autore e sulla proprietà intellettuale. Il blog non è aggiornato con una periodicità fissa e non rappresenta un prodotto editoriale.