Browse By

Cambia il turismo, cambia la BIT: ecco il programma 2021

Tempo di lettura: 10 min

Più customizzazione, più tecnologia, più opportunità: la vera ripartenza è possibile solo aprendosi al confronto e accogliendo nuove soluzioni. Per questo, la Borsa Internazionale del Turismo amplia l’offerta di contenuti e servizi per sostenere le aziende del settore verso la meta della “nuova normalità”.

Il mercato del turismo guarda alla ripartenza: alcuni provvedimenti stanno gradualmente consentendo al settore dei viaggi di prepararsi ad un parziale recupero dopo lo stop dei mesi scorsi e gli incentivi ai consumatori offrono nuove opportunità. Tuttavia, per consolidare la ripresa, occorre una nuova consapevolezza per il settore, un contesto per elaborare nuove soluzioni.

BIT, la Borsa Internazionale del Turismo organizzata da Fiera Milano, in programma  dal 7 al 9 febbraio 2021 a Fieramilanocity, comincia, così, il suo cammino verso la prossima edizione proponendosi come piattaforma di confronto per il settore in questa fase delicata. La manifestazione sarà un veicolo per raccontare e promuovere il turismo nel dopo Covid rispetto ai valori che caratterizzano la sua offerta, mentre il mondo ancora in parte sta cercando la sua “nuova normalità”: responsabilità, chiarezza, trasparenza, sensibilità alle varie esigenze costituiscono, infatti, le priorità per gli operatori, impegnati nel rieducare gli utenti alla fiducia verso i professionisti dei viaggi e delle vacanze.

BIT è l’evento in Italia di riferimento per i mercati internazionali, l’unica fiera che in modo innovativo permette di sviluppare relazioni e business, condividere nuovi saperi, ispirare il cambiamento attraverso una doppia focalizzazione: il b2b e il b2c, permettendo agli operatori del settore turistico non soltanto di confrontarsi e sviluppare nuove opportunità in un ambiente totalmente favorevole alla contrattazione e al business, ma di dialogare in spazi e giorni ben definiti, direttamente con il viaggiatore finale, per cogliere in anticipo trend di consumo, sviluppare relazioni e prodotti in linea con l’esigenza del consumatore, creare nuove alleanze tra chi organizza il viaggio e chi ne usufruisce.

LA SITUAZIONE DEL MERCATO: TRA PRUDENZA E VOGLIA DI RIPARTIRE

La centralità del nostro Paese nel sistema turistico internazionale è testimoniata anche dai positivi endorsement della UNWTO e del suo Segretario Generale Zurab Pololikashvili, che ha recentemente incontrato in Italia alcuni rappresentanti delle nostre istituzioni: l’Italia viene indicata come un pilastro per la salvaguardia dei valori del turismo sostenibile e dell’innovazione, criteri guida per il progresso del turismo mondiale secondo la World Tourism Organisation.

Gli operatori del turismo, intanto, sono testimoni di una graduale, ma decisa ripresa. Per l’Italia le previsioni legate al periodo estivo sono incoraggianti e gli addetti ai lavori stanno assistendo a una generale volontà, da parte dei turisti, di rimettersi in viaggio. Come rileva anche una recente indagine del Codacons, nel periodo giugno-settembre a concedersi una vacanza sarà il 51% dei cittadini italiani, circa 30 milioni di italiani, anche se si stima comunque una riduzione di circa il -23% rispetto al 2019.

Nelle prenotazioni post crisi Covid c’è molta Italia (circa l’80% delle prenotazioni secondo Codacons), ma ci sono anche opzioni per viaggi a lungo raggio, pianificati nella prossima stagione invernale.

In particolare, mentre in questo inizio d’estate le città d’arte, secondo gli ultimi rilevamenti di ENIT, sembrano ancora in parte risentire della mancanza di turisti stranieri (in particolare da Cina e USA) sono 4 su 10 le camere delle strutture ricettive prenotate online – dai turisti italiani e stranieri – che risultano ancora prenotabili nel 62% dei casi. L’Italia è al centro dell’attenzione anche nel mondo social: dal 18 marzo al 28 giugno, sempre secondo le rilevazioni di ENIT, si contano un totale di 837,2 mila mention – di cui 68,3 mila comparse sul web e 768,9 mila dai social – che hanno prodotto 227,1 milioni di interazioni per un valore totale di investimento (ave) pari a 661,8 milioni di euro.

LE AREE DI BIT: ALLA SCOPERTA DEL SETTORE

Sensibile alle evoluzioni in atto, Bit sta così modellando le aree che caratterizzano l’offerta della manifestazione in base alle esigenze di oggi.

In particolare, BIT Experience, area tematica dedicata alle nuove proposte di vacanza legate alla natura, allo slow tourism, al turismo enogastronomico ed a tutte le forme di turismo che prenderanno il via nel 2021, potrà essere un’occasione di rilancio per le strutture ricettive, i territori e gli operatori, nazionali ed internazionali, che hanno maggiormente subito contraccolpi dalla crisi Covid.

Wedding area, lo spazio dedicato alle migliori soluzioni per la location dove sposarsi e le proposte di viaggi più intriganti per celebrare le nozze, darà visibilità alla nuova cultura dei ricevimenti, alle attenzioni e alla competenza con cui oggi si organizzano nel rispetto delle prescrizioni anti-contagio, puntando al rilancio di questo settore, molto interessante e ricco di opportunità per gli operatori.

Anche in MICE village, spazio nato dall’esigenza di poter far incontrare la domanda e l’offerta del mondo degli eventi, nell’edizione 2021 si porrà maggior enfasi per il rilancio di questo settore particolarmente colpito dalla situazione mondiale.

In un momento di fortissima enfasi sulle tecnologie abilitanti il lavoro e le esperienze sociali a distanza, le Aree Btech e Start up permetteranno, inoltre, di confrontarsi con le nuove risorse tecnologiche a supporto dell’industry e con aziende giovani e dinamiche che ogni anno si presentano con i propri prodotti innovativi.

Il cambiamento in atto richiede strumenti utili a dare nuova spinta al mercato del lavoro nel settore turistico: per questo, nell’Area Bit 4 job, si darà vita ad un hub dedicato alle opportunità offerte da aziende leader del settore per la ricerca di figure professionali, tra rilancio di competenze sempre indispensabili e la scoperta di nuove professioni, come il project manager, l’analista dei costi e il performance manager, profili oggi sempre più strategici.

I CONVEGNI: UN VIAGGIO TRA APPROFONDIMENTI PROFESSIONALE E PROPOSTE PER IL VIAGGIATORE

Si confermerà fondamentale per comprendere il settore anche il programma di convegni e incontri dedicati agli operatori che si terranno in manifestazione, legati alle tematiche più significative per il mondo del turismo.

In particolare, i focus saranno sul viaggio come esperienza, sia dal punto di vista delle abitudini del viaggiatore, sia da quello dell’offerta, con le proposte legate al turismo attivo, a quello enogastronomico, allo slow tourism e ad altre tendenze emergenti.

Come sempre, inoltre si guarderà alle destinazioni internazionali, con analisi sulle best practice, sulle relazioni tra destinazioni e operatori del territorio e sull’evoluzione dell’offerta internazionale dei tour operator, ma anche alla destinazione Italia, concentrando l’attenzione sul rilancio del nostro Paese e sulla promozione delle regioni italiane nel mondo, ma anche su come stanno cambiando le esigenze dei turisti internazionali e come cambia la nostra offerta turistica.

Tra i comparti del turismo, spazio troverà, poi, il Turismo congressuale e d’Affari, tra opportunità e criticità, nuovi modelli e trend da conoscere.

Al tema dei trasporti, tra analisi della domanda e dell’offerta del trasporto aereo tra presente e futuro, relazione tra aeroporti e sviluppo del territorio, saranno dedicati incontri specifici, che si completeranno con una overview sulle nuove tendenze e le proposte nel mondo delle crociere.

Non mancherà il focus sul mondo dell’ospitalità, tra disintermediazione e relazioni con le agenzie di viaggi online, per comprendere come sta cambiando la gestione del cliente e quali sono i modelli emergenti in questo comparto.

Sostenibilitàmulticanalità e tecnologia sono alcune tra le sfide con cui il settore si sta misurando in questi anni, che troveranno in BIT interessanti approfondimenti.

Così, sostenibilità ed economia circolare saranno al centro di una riflessione sui modelli di sviluppo delle destinazioni e sulla relazione del cittadino di oggi con il territorio, per comprendere come questo valore sta modificando la sensibilità del turista e l’offerta a lui dedicata.

L’innovazione tecnologica sarà analizzata attraverso uno sguardo sul futuro dei canali online in relazione con il mondo fisico, guardando, in particolare, all’evoluzione degli scenari con l’introduzione di Intelligenza Artificiale e Internet of Things, che rendono possibile un incontro sempre più globalizzato tra domanda e offerta, all’insegna della customizzazione dell’esperienza di viaggio.

Tra sostenibilità e tecnologia sarà, poi, dato spazio al tema della multicanalità della distribuzione del prodotto turistico, tra prospettive di sviluppo dei canali Online, i modelli e le relazioni emergenti e le prospettive su un approccio sempre più sostenibile alla distribuzione turistica.

Accanto agli eventi dedicati ai professionisti, non mancheranno, poi, esperienze e proposte pensate per i viaggiatori, tra scoperta, ispirazione, sostenibilità e sicurezza, per coinvolgere il pubblico e informarlo su opportunità e soluzioni per ogni esigenza.

Grandi viaggiatori, Enti del turismo internazionali, territori, Tour Operator, agenzie di viaggi, compagnie aeree e di crociera entreranno direttamente in contatto con il cliente finale per narrare nuovi luoghi e nuove esperienze domenica 9 febbraio, giorno che BIT dedicherà al pubblico non specializzato.

OLTRE LA FIERA: LA DIMENSIONE PHIGYTAL DI BIT

In questi mesi di forte discontinutà con il passato, si sta, poi, lavorando ad approfondimenti legati alle novità in ambito tecnologico e alle nuove modalità di approccio al turismo sia organizzato che disintermediato.

La tecnologia sarà protagonista e cambierà anche la fruizione di molti contenuti di Bit 2021, creando una innovativa esperienza insieme fisica e digitale, che ottimizzerà tutti i vantaggi del phygital sia per offrire opportunità di business ancora più ampie e customizzate, sia per valorizzare al massimo i contenuti formativi e promozionali presentati in manifestazione.

Per alcuni convegni, così, la diretta streaming potrà ampliare in modo significativo il coinvolgimento degli utenti. La grande novità sarà, in questo senso, Fiera Milano Platform, la nuova piattaforma per la gestione dei clienti, degli espositori, dei visitatori, dei giornalisti, dei blogger e degli opinion leader, che consentirà di poter accedere ai servizi messi a disposizione dalla manifestazione in modo facilitato ed immediato, agevolando l’interazione sia fisica sia digitale tra gli attori della filiera.

Inoltre, come gli operatori del turismo in questo periodo si stanno attivando per far fronte alle esigenze di utenti talvolta scoraggiati, così Fiera Milano si sta muovendo per garantire un concreto supporto agli espositori degli appuntamenti che organizza, offrendo alle aziende la possibilità di ricevere finanziamenti per la partecipazione alla manifestazione, grazie ad un importante accordo che il Gruppo ha sottoscritto con cinque primari gruppi bancari.

Il Covid ci ha chiusi in casa, la competenza degli operatori del turismo – in un quadro che garantisca maggiori certezze sui rischi negli spostamenti in tutto il mondo – sarà in grado di rimetterci di nuovo in viaggio.

Il valore fondante il settore del turismo diventa, oggi, la capacità di pianificare ogni fase della vacanza in piena sicurezza, senza far rinunciare gli utenti al bello della scoperta che ogni viaggio deve portare con sé.

Guardando alle prospettive di un viaggio che riprende, Bit apre da oggi il dialogo con gli operatori pronti a innovare, raccogliendo la sfida di una stagione che sembrava finita ancora prima di iniziare e che invece può segnare, anche per il turismo, il vero momento della ripartenza.

Un confronto su temi attuali e necessari, che accompagnerà il settore fino alla prossima edizione della Borsa Internazionale del Turismo, a fieramilanocity dal 7 al 9 febbraio 2021.

Print Friendly, PDF & Email

I testi, le immagini e la grafica presenti su questo blog sono protetti ai sensi della normativa vigente sul diritto di autore e sulla proprietà intellettuale. Il blog non è aggiornato con una periodicità fissa e non rappresenta un prodotto editoriale.