«Pop al Top, i chicchi delle meraviglie»: una provincia, la sua identità

Tempo di lettura: 1 min

Si chiama «Pop al Top, i chicchi delle meraviglie» ed è il progetto di cui è capofila Coldiretti Pavia per promuovere riso e vino, due tratti distintivi dell’identità territoriale e culturale della provincia. L’idea di questo accostamento vincente, messa in pratica attraverso un bando di Regione Lombardia, mira a rilanciare l’offerta enogastronomica della provincia, valorizzando due eccellenze distintive del territorio.

Il progetto si articolerà in tappe itineranti, alla scoperta del riso Carnaroli da Carnaroli Pavese e dei vini Bonarda e Pinot nero, nelle sue declinazioni. Riso e uva sono i chicchi delle meraviglie in un’accoppiata felice, ricca di suggestioni e di possibilità di valorizzazione. Due prodotti antichi, legati alla storia del territorio della provincia di Pavia da tempo immemorabile. Di 9.000 ettari coltivati a riso Carnaroli da semente Carnaroli in Italia, 6.000 si trovano in provincia di Pavia. L’Oltrepò Pavese, invece, sin dai tempi di Strabone era considerato zona di vini di qualità e oggi è uno dei più importanti terroir vitivinicoli di Lombardia, capitale italiana del Pinot nero e della spumantistica fin dal 1865.

Il vino bandiera della tradizione locale è invece il Bonarda, che nasce dal vitigno autoctono Croatina, sempre in grado di stupire. Le eccellenze della provincia di Pavia, tra le mani esperte di chef e ristoratori, mostreranno tutta la loro versatilità e nobiltà. Il viaggio, cui collaboreranno Ascom Pavia e Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, sarà una scoperta della storia, dell’arte e della cultura del territorio grazie alle esclusive esperienze di visita proposte. Il progetto ha anche un sito dedicato: www.chicchidellemeraviglie.it.

Scarica EnoNautilus, vivi l’enoturismo 4.0!

EnoNautilus è il primo ed unico ecosistema informatico dedicato all’universo enogastronomico/enoturistico italiano, il primo che mutua alcune delle caratteristiche fondamentali dell’industry 4.0 a favore di un incremento della qualità produttività ed una semplificazione dell’incoming enoturistico.  

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti a questo blog e ricevere le notifiche di nuovi post.